28 dicembre 2011

Demetra, Persefone e i cicli della natura

Conosciuta presso i Romani come Cerere, Demetra è la dea della terra, della fertilità e della crescita, in special modo legata ai campi e al grano.
Dai celebri natali, essendo figlia di Crono e Rea e sorella di Zeus, Demetra fa parte degli dei dell'Olimpo ed è venerata presso i Greci come divinità protettrice dei campi e della vegetazione.
La sua vicenda è legata a quella della figlia Persefone, concepita con il fratello Zeus. Questi, senza il consenso di demetra, permise ad Ade, il dio dell'Oltretomba, di rapire la bella Persefone e di portarla con sè nel Regno dei Morti come propria sposa.
Ma Persefone non reagì affatto bene alla trovata del padre e urlò disperata affinché qualcuno la salvasse.
Demetra, udendo le grida della propria amatissima figlia, la cercò instancabilmente per nove giorni e nove notti finché al decimo giorno la dea apprese la ferale notizia dal dio del Sole, Eolo, che da quella privilegiata posizione, vedeva tutto ciò che accadeva sulla terra. Distrutta dal dolore e profondamente amareggiata, Demetra allora lasciò l'Olimpo per ritirarsi negli Eleusi e si vendicò sulla terra rendendola sterile ed infeconda. Il suo dolore poi si scagliò soprattutto sulle terre della Sicilia dove, secondo i racconti, aveva avuto luogo il rapimento della figlia.
La vicenda però si risolvette con un accordo che prevedeva la permanenza di Persefone nel Regno dei Morti per una parte dell'anno mentre per l'altra metà la giovane poteva godere della compagnia della madre sull'Olimpo. Ecco spiegato da qui il ciclo delle vegetazioni secondo cui nei mesi invernali quando Persefone è costretta a rimanere con Ade, Demetra dal dolore, lascia i campi senza frutti per poi renderli fecondi nei mesi caldi in concomitanza con il ritorno della amata figlia.

(Foto di Resio - Fliclr - CC)
-->

5 commenti:

  1. povere donne, gliene facevano di tutti i colori
    monica c.

    RispondiElimina
  2. se la prendono sempre con questa martoriata Sicilia :)

    RispondiElimina
  3. @ Monica: Sì, infatti.
    @ La sicilia in effetti è molto presente in queste storie.

    RispondiElimina
  4. Be', tutto sommato metà con uno e metà con l'altro non era male... ;-)

    RispondiElimina
  5. Ottimo compromesso, in effetti!
    P. S. Non mi fa mettere il "mi piace" sul We day!! Mi dice "La connessione è già stata effettuata! Uff... riprovo dopo!

    RispondiElimina