6 dicembre 2011

Orione ed Eos: l'amore che scatena l'ira di Apollo

Ad Eos, l'Aurora, la tradizione attribuisce lunghe schiere di amanti più o meno noti. Nota ricorrente di queste relazioni era in genere la rapida durata del momento amoroso e l'avidità della dea nei confronti dell'amante di turno che, se non espressamente consenziente, veniva da questa rapito o comunque, in un modo o in un altro, assoggettato alla sua capricciosa volontà.
Tra questi, uno dei più famosi amanti della divinità dell'Aurora fu Orione. Questi era un bellissimo e gigantesco cacciatore, figlio di Poseidone ed Euriale, capace di camminare sulle acque. Alcune vicissitudini portarono l'uomo a perdere la vista che Elio e la stessa Eos gli fecero recuperare.
La seducente divinità a quel punto però decide di voler avere Orione tutto per sé, così pensò bene di godere di questa esclusiva nell'isola di Delo, sacra ad Apollo. Questi però non accettò di buon grado l'iniziativa di Eos, vedendola proprio come una profanazione bella e buona. In più Apollo resosi conto dell'amicizia che cominciava a nascere tra Orione e Artemide per via della loro passione comune per la caccia, temette davvero che anche la sorella potesse infine cedere alle lusinghe amorose del bel giovane.
-->
Così Apollo, consultatosi con la Madre Terra, scatenò contro Orione la furia di un scorpione immortale ed indistruttibile che nessuna delle frecce del bel cacciatore riuscì ad abbattere. Per avere salva la vita, dunque, ad Orione non rimase che gettarsi in mare e nuotare lontano. Non contento però Apollo aveva in serbo un'altra carta da giocare. Con l'inganno infatti il dio fece credere alla sorella Artemide che quel puntino nero e lontano nelle acque fosse in realtà la testa di un malvagio stupratore di sacerdotesse. La dea a quel punto non esitò a far scoccare una freccia dal proprio arco in direzione di Orione che, colpito in pieno, morì.
Disperata dopo aver appreso la verità, ad Artemide non restò che associare l'idea di Orione ad una costellazione che - adesso sappiamo perché - è eternamente inseguita da quella dello Scorpione.

(Foto di Tezio - Flickr - CC)

3 commenti:

  1. Con me qui sfondi una porta aperta, adoro queste leggende :-)

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere, ragazzi! Grazie mille!

    RispondiElimina