8 gennaio 2012

La figura del monaco nel Medioevo



5056387999_7a228b0667.jpg
La figura del monaco eremita che vive un'esistenza ritirata nel deserto scandita dal ritmo delle preghiere e delle penitenze risale ai primi secoli dell'era cristiana e ha origini certamente Orientali. Solo più tardi in Occidente, questa figura subisce una significativa evoluzione grazie all'intervento di San Benedetto da Norcia, fondatore dell'ordine monastico dei benedettini. Il ruolo di San Benedetto fu quello di fare in modo che i monaci cominciassero a vivere insieme all'interno di comunità e monasteri per svolgere attività di diffusione della parola di Dio, specialmente in un'epoca sconvolta dalla feroce brutalità delle invasioni barbariche.
Grazie a questo iniziale progetto, con il trascorrere del tempo, il monastero divenne sempre più centro di organizzazione culturale, civile ed econimica, chiaro esempio di ordine e pace in netta contrapposizione al dilagante disordine. Il monastero dunque non era considerato più solo come luogo di preghiera ma, secondo l'esplicità volontà della regola benedettina - ora et labora! - esso divenne anche luogo di lavoro e di cultura tanto che i chiostri, le biblioteche, le scuole, gli scriptoria diventarono le sedi principali di apprendimento e trasmissione del sapere. Gran parte del patrimonio culturale pervenuto, infatti, si deve proprio alle attività dei monaci benedettini, alla cura nella conservazione di testi antichi e nella trasmissione incessante della memoria dell'epoca. 
Quanto al peso specifico che questa figura sociale ebbe nei contemporanei, si può affermare certamente che il modello incarnato dal monaco, votato all'ascetismo, alla cultura e al disprezzo delle cose terrene divennne la vera cifra della perfezione, l'esempio, l'unico modello cui ispirarsi per condurre una vera vita cristiana.

(Foto di Lucac4 - Flickr - CC)
-->

5 commenti:

  1. Ringraziamo il Signore per averci donato questi Santi straordinari e preghiamo affinche ve ne siano di altri in un tempo come il nostro, segnato purtroppo dalla crisi di valori, dalla quale consegue quella economica..

    RispondiElimina
  2. grazie mille per l'informazione!

    RispondiElimina