22 febbraio 2012

Minosse, la moglie Pasifae e il Minotauro

Secondo quanto riportato dalla leggenda, Minosse era figlio di Zeus ed Europa ma crebbe allevato dal re di Creta - Asterione - che gli fece da patrigno. 
Quando questi morì, Minosse si scontrò subito con i figli del re defunto in merito alla successione sul trono di Creta e, per risolvere la questione, il giovane chiese l'intervento di Poseidone affinché gli mandasse un animale da sacrificare come segno inequivocabile che lui fosse il solo ed unico candidato a regnare. Poseidone accolse la richiesta e lasciò che un magnifico toro emergesse dalle acque. I fratelli  così, furono costretti ad accettare la sconfitta e Minosse divenne il nuovo re di Creta.

Ma il primo errore che commise da regnante fu quello di non sacrificare il toro così come aveva invece promesso. L'azione causò infatti l'ira di Poseidone il quale, per punire il re, rese il toro una bestia ferocissima che devastò l'intera regione e che solo Teseo riuscì ad abbattere.
Non contento, Poseidone fece in modo che la moglie di Minosse, Pasifae, si sentisse irresistibilmente attratta dal toro con il quale, contro natura, generò il Minotauro, mostro divoratore di uomini con il corpo da toro e la testa da uomo che Dedalo poi imprigionò in un labirinto da lui stesso progettato.
Conclusasi la parentesi Minotauro, in seguito ucciso da Teseo con l'aiuto di Arianna, la figlia del re, Minosse ebbe modo di essere ricordato anche per le numerose relazioni sentimentali che contò anche durante il matrimonio. 
A tal proposito, si ricorda ad esempio Britomarti, giovane donna che preferì gettarsi in mare piuttosto che sottostare al corteggiamento assillante del re e, ancora, che la moglie Pasifae, furiosa per gli innumerevoli tradimenti subiti, maledì il marito facendo sì che ogni donna con cui egli si fosse intrattenuto sarebbe andata incontro alla morte. Tale maledizione fu poi annullata dall'intervento di Procri, figlia del re di Atene che somministrò al re un antidoto ad hoc.
In generale comunque, la figura di Minosse è associata all'idea di un uomo saggio e potente, amministratore della giustizia, forse perché egli, insieme con Radamante ed Eaco, divenne  poi nominato giudice della anime che varcavano la soglia del regno dei morti.

(Foto di Od Rangel - Flickr)
-->

3 commenti:

  1. Bella punizione per le amanti ahahaah

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo con laura..
    monica c.

    RispondiElimina
  3. @Laura e Monica: una moglie gelosa non si ferma davanti a niente! ;)

    RispondiElimina