25 ottobre 2012

Tre croci di Federigo Tozzi: trama e contesto

Ispirato ad una storia vera che gli era stata raccontata durante un viaggio, "Tre croci" è uno dei numerosi romanzi scritti da Federigo Tozzi. Pubblicata nel 1920, l'opera fu scritta in tempi molto rapidi, in meno di un mese del 1918.
La vicenda narrata è ambientata in una piccola cittadina di provincia ed è incentrata sulle vicende dei tre fratelli Gambi. In particolare, a tenere banco è il fallimento della loro libreria aggravato dalla continuata falsificazione di cambiali da loro firmate nella speranza di salvare il salvabile.
Incapaci di prendere qualunque altra iniziativa, i fratelli Gambi attendono nella più completa inerzia che si compia il loro destino, che la rovina incomba su di loro sferrando il suo colpo finale. E intanto essi si trincerano dietro una falsa facciata in cui tutto procede a meraviglia, schiacciando con l'ingordigia nei confronti del cibo - come nelle più comuni nevrosi - l'assillante pensiero della catastrofe a venire.
Ad un punto di svolta si giunge poi quando il maggiore dei 3, Giulio, improvvisamente si toglie la vita, offrendo agli altri due la chance di addossargli tutte le colpe del fallimento e  trovare una via d'uscita. 
Ma i due precipitano ancora di più in un abisso senza uscita né ritorno e le loro vite si consumeranno fino alla morte all'insegna della più totale miseria e della più profonda disperazione.

Il romanzo, per le sue caratteristiche, può essere considerato anche una lunga novella, per via della perfetta e precisa linearità del racconto popolato da pochissimi personaggi e per via del fermo ancoraggio al tema centrale trattato senza inutili fronzoli né divagazioni.
Fulcro della storia è sempre l'inettitudine dei 3 fratelli per i quali non sembra esserci alcuna possibilità di salvezza sin dall'inizio del racconto, né redenzione, né catarsi.

-->

3 commenti:

  1. Ammetto la mia ignoranza... sai che non lo conoscevo? Non ne avevo mai neppure sentito parlare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi associo, mai sentito neppure io. però mi sembra un argomento attuale, con tutte le aziende che falliscono oggi...
      monica c.

      Elimina
  2. FA CACARE
    (kristici)

    RispondiElimina