7 maggio 2013

Smart Cities

Le regioni del Mezzogiorno italiano, si sa, purtroppo sono ancora tra le aree più depresse del nostro Paese, quelle in cui ad un elevatissimo numero di laureati e di potenziali risorse da poter impiegare in qualunque ambito non fa eco una appropriata possibilità occupazionale. Questo quadro ovviamente grava sul benessere generale di queste aree nelle quali diventa sempre più difficile sperare in un rilancio economico e in un riscatto sociale.
Ciò che magari non è noto a tutti però è che esiste uno strumento pensato e finanziato appositamente per queste regioni, in particolare per la Sicilia, la Puglia, la Campania e la Calabria, denominato PON R&C 2007-2013 (Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività”). Con il patrocinio del MIUR e del MiSE, ben 6 miliardi di euro di finanziamenti sia europei sia nazionali sono stati infatti già stanziati per il progetto “Obiettivo Convergenza”, fondi che il PON 2007-2013 impiegherà per lo sviluppo di queste realtà regionali più svantaggiate, a favore di una crescita sostenibile che guarda e si serve delle tecnologie di ultima generazione in grado di facilitare la vita e rendere le città più vivibili e più rispondenti alle esigenze dei cittadini.
Uno dei fiori all’occhiello del PON 2007-2013 è, ad esempio, il progetto pilota “Smart Cities”, destinato proprio alla messa in opera di realtà urbane in cui potersi muovere facilmente, in cui poter accedere alle informazioni di cui si ha bisogno, tutto grazie al supporto di tecnologie performanti e d’avanguardia messe al totale servizio degli abitanti di queste regioni e sempre in vista di un reale sviluppo sia economico sia sociale.
Un altro progetto ancora invece, denominato “Smart education”, punta all’istruzione, all’opportunità di poter accedere allo studio per mezzo di tablet al posto dei libri scolastici.
Per veicolare e diffondere la bontà di questi progetti, il PON ha pensato anche ad un simbolo, a mio avviso molto indovinato, protagonista anche del video promozionale di questa campagna e attualmente visionabile su Youtube. Si tratta di un albero stilizzato, i cui rami sfoggiano “frutti” come la cultura, i trasporti, l’energia, la salute, tutti obiettivi già raggiunti e successi conclamati. L’attività del Pon, infatti ,non conta solo su promesse future ma poggia ben salda sulle basi di quanto già realizzato finora, degli impegni rispettati e dei progetti cui si è riusciti a dare vita, seme dopo seme, frutto dopo frutto.
Il video, inoltre, grazie ad una voce fuori campo che illustra le linee cardine del progetto, sintetizza chiaramente gli obiettivi cui il Pon intende dare vita, in uno stile asciutto e diretto che va subito al cuore dell’iniziativa e dei suoi punti fondamentali, proprio quelle nuda semplicità che mi sarei aspettata considerata la nobile portata del progetto. E a voi, che impressione ha dato il video? E cosa ne pensate del progetto? Vi andrebbe di condividere l'articolo e pubblicizzare l'operato e i progetti del PON?
Il seme del rilancio del Mezzogiorno a me sembra ben riposto proprio in virtù della serietà già dimostrata, seme che innaffiato con cura non mancherà certamente di produrre nuovi frutti.

Articolo sponsorizzato

3 commenti:

  1. Un progetto che mi piace e spero porti buon frutti

    RispondiElimina
  2. e speriamo veramente di vedere qualcosa che cambia!
    monica c.

    RispondiElimina
  3. Yesterday, while I was at work, my sister stole my apple
    ipad and tested to see if it can survive a twenty five foot drop, just so she can be a youtube sensation.
    My iPad is now destroyed and she has 83 views. I know this
    is entirely off topic but I had to share it with someone!

    Also visit my web site - Mario Lemieux Authentic Jersey

    RispondiElimina