2 dicembre 2014

L'assenzio di Degas: alienazione e solitudine nella metropoli moderna

Quando un'epoca subisce profonde trasformazioni, anche le varie forme di arte tendono ad assorbire e fare proprie le novità, le ansie, gli interrogativi del momento divenendo istantanee che catturano il presente.
All'inizio del XX secolo, ad esempio, è ormai noto che si verificarono una serie di rivoluzioni che cambiarono per sempre il volto della realtà così come si era imparato a conoscerla, con inevitabili conseguenze tanto sul piano pratico quanto su quello psicologico, esistenziale ed artistico. 

Mi riferisco alla seconda rivoluzione industriale, alla nascita delle città in senso più moderno, le nuove tecnologie, la diffusione dell'urbanesimo, tutti elementi che cambiarono per sempre il rapporto tra uomo e realtà circostante, e natura. Adesso bisognava misurarsi con la realtà metropolitana, con la velocità, il futuro.
Per l'uomo moderno si tratta senza dubbio di uno choc profondo che l'artista, in particolare, assorbirà fino a trasferirlo nelle proprie opere.
Il dipinto nella foto, ad esempio, è una tela impressionista di Edgar Degas e si intitola "L'assenzio". Raffigura un momento qualunque nella vita di due personaggi, un'occasione, un attimo precario e senza particolare importanza. Protagonisti sono una prostituta e un bohémien seduti in un caffè di Parigi. I loro volti sono inespressivi. I due sono vicini ma tra loro non c'è alcuno slancio comunicativo, ognuno di loro è chiuso in se stesso, inosservato e guardato a vista solo dalla propria ombra grigia e triste. La sensazione è di alienazione e solitudine totale, la stessa provata dall'uomo moderno chiamato a misurarsi con il progresso e con un futuro più concreto e allo stesso tempo sconosciuto che mai.
Per gli artisti dunque l'io ne esce sconvolto da queste profonde trasformazioni e la crisi, la dissoluzione, la distorsione della realtà e l'incertezza cominciano a diventare prepotenti in tutte le forme d'arte.


(Foto di Playing Futures: Applied Nomadology - Flickr)

Nessun commento:

Posta un commento