2 dicembre 2018

La casa del sonno di Jonathan Coe, recensione


La casa del sonno di [Coe, Jonathan]Tra le più interessanti proposte della categoria di narrativa contemporanea di Amazon, c'è spazio anche per un romanzo a dir poco intrigante. 
"La casa del sonno" è una storia scritta dal londinese Jonathan Coe e che ha riscosso un enorme successo di critica e di pubblico. Siamo di fronte ad un romanzo originale e diverso che affronta temi insoliti dando voce e corpo a personaggi decisamente interessanti.
Come avverte l'autore stesso in una nota, ogni capitolo dispari è ambientato nel passato, anni 1983 e 1984, mentre quelli pari, ricoprono una parentesi temporale che vede protagoniste le ultime due settimane del giugno 1996.

Nonostante questa regolare alternanza, il tutto si svolge ad Ashdown, una costruzione centenaria in pietra dall'aspetto inospitale in cui - nel passato - convive un gruppo di studenti i cui destini finiranno con l'intrecciarsi inesorabilmente e che poi finisce col diventare una clinica destinata allo studio e alla cura dei casi di narcolessia.
Ed è appunto il sonno e gli aspetti problematici ad esso legato attorno a cui si dipana l'intera vicenda. Ogni personaggio ha un certo legame insano col sonno, nessuno ne è immune. Gregory è un brillante studente di medicina col vizio e l'abitudine di spiare il sonno altrui; Terry non dorme mai meno di 14 ore al giorno e da sveglio coltiva l'ambizione di realizzare un film a dir poco ambizioso che richiederà circa 50 anni di riprese; Robert, l'anima romantica e dolce, che sprofonda in sonni malinconici sognando di conquistare Sarah; e Sarah, appunto, attorno alla quale ruotano i destini di tutti gli altri, malata cronica di narcolessia, patologia che le impedisce di distinguere chiaramente ciò che le accade davvero con ciò che ha solo sognato spingendola a generare continuamente equivoci e confusione,
Nel 1996, archiviata la parentesi universitaria, è tutto cambiato. La stessa Ashdown, se possibile, è ancora più inquietante, nascondendo nei suoi sotterranei terribili ed inconfessabili segreti e stentiamo a riconoscere gli stessi personaggi.
"La casa del sonno" è un romanzo che spinge alla lettura pagina dopo pagina. Sapere cosa succede dopo diventa una necessità così come scoprire in che modo ogni personaggio riesce o meno a riemergere dalla propria personale crisi, ad avere la meglio sul destino capitato in sorte. 
All'interno vi si trova un mondo, i protagonisti sono stratificati e reali, molto vivi e ricchi di sfumature uniche. Sono personaggi complessi e spesso non è semplice capirne le motivazioni, seguirne la scia di pensieri. In quegli anni sono costretti a crescere, a prendere la proprie strade ed inciampare negli sgambetti della vita.
Molto toccante infine la storia d'amore impossibile, il senso di disfatta, il timore di aver sbagliato tutto e che si fosse agito diversamente forse l'esito sarebbe stato diverso.
"La casa del sonno" di Jonathan Coe è un romanzo promosso a pieni voti, originale, diverso, interessante, nuovo.  


Nessun commento:

Posta un commento