3 marzo 2018

Storie della buona notte per bambine ribelli 2: uscito il secondo libro

Sono tornate! 
Francesca Cavallo ed Elena Favilli, le apprezzatissime autrici della prima raccolta di 100 storie per bambine ribelli scendono di nuovo in campo con "Storie della buona notte per bambine ribelli. Edizione a colori: 2"
Il secondo libro, dopo il successo della prima avventura, propone altre 100 storie dedicate a donne straordinarie, che hanno lasciato un segno indelebile nella storia, che si sono distinte nella vita, che - in alcuni casi - hanno addirittura cambiato il mondo - e che possono essere da esempio per tutti noi.
Adatto ad un pubblico molto giovane, già a partire dagli 8 anni di età, il libro si presta per essere letto da tutti. Anzi, letto e riletto.

In "Storie della buona notte per bambine ribelli. Edizione a colori: 2" infatti si racconta che c'erano una volta delle bambine che non possiamo dimenticare o meglio, che non possiamo non conoscere. La struttura del libro prevede una storia ogni pagina, una donna ogni pagina, con un coloratissimo e straordinario ritratto accanto. Storie sintetiche, chiare, precise e dirette, scritte in un linguaggio immediato e accattivante che ti invita a proseguire per conoscere un'altra storia e poi un'altra ancora. Oppure perfetto per augurarsi 100 volte buona notte avendo tra i pensieri il ricordo fresco di una donna straordinaria diversa ogni giorno.
I bambini e le bambine lo adorano, gli adulti lo divorano. "Storie della buona notte per bambine ribelli. Edizione a colori: 2" in questa nuova uscita racconterà le storie di J. K. Rowling, la celeberrima scrittrice della saga di Harry Potter che ha imparato da un fallimento trasformandolo in carta vincente, cambiando per sempre il volto della storia della letteratura; Bebe Vio, multipremiata campionessa di scherma che non si è mai arresa nè ha perso la grinta e il sorriso nonostante la grave malattia che la ha colpita; Audrey Hepburn, diventata un'inimitabile icona di stile nonostante da piccola mangiasse tulipani per sopravvivere alla fame. E poi ancora c'erano una volta acrobate, poetesse, astronaute, imprenditrici fino a 100 imperdibili ritratti di donne esemplari da cui dovremmo lasciarci ispirare, da cui dovremmo imparare non solo che la fatica, lo sforzo e la dedizione pagano sempre ma anche che siamo noi, singolarmente, a scrivere il futuro.

Nessun commento:

Posta un commento